Aldo Busi: “Sono un pazzo su quell’Isola volevo morire” – Repubblica.it

Shared by Max

Io adesso forse mi dovrei vergognare un po’ ma a me Busi mi piace e mi sembra più simpatico di quello che sembra… tipo quando dice “Quando apro un sillogismo sono io a chiuderlo. Nessuno può farlo al posto mio.” o “Accade che perdi la tua identità. A parte il fatto che io di identità ne ho a tonnellate, perché ho sempre saputo perderla nei momenti giusti” o “Ne ho accennato solo alla psicologa che era sull’Isola e che ascoltavo perché era un modo per aiutarla, per giustificarne la presenza” o “sono troppo spiritoso per suicidarmi. Ma non mi va nemmeno di continuare a vivere in Italia. Anche se, andandomene mi sembrerebbe di prosciugare l’unica linfa vitale che esiste, cioè io”

E’ tornato a casa dimagrito di dieci chili e pieno di rabbia per le condanne e gli equivoci ROMA – Dieci chili in meno e molta rabbia in più. Incazzatura vera contro i travisamenti, gli equivoci, le mezze frasi, le condanne che il grande circo mediatico ha pronunciato dopo la sua rinuncia

Rispondi