Vicinissimi al paese [www.wittgenstein.it]

Shared by Max

Normali, banali, brutti.

[…] Quello che ci dicono gli Scilipoti, i Siquilini, i Razzi, eccetera, è che la stragrande maggioranza dei parlamentari nel “palazzo” è fatta di persone che incarna esattamente quel ritratto di medietà esaltato dai populisti e dai profeti della “gente comune”. Sono gente comune, sono persone “qualsiasi”, con dosi medie di pregi e difetti, somiglianti a noi italiani qualunque, senza niente che li renda straordinari, meritevoli di definirsi eletti, governati nelle loro scelte da un’etica superiore, da un maggiore senso di responsabilità del ruolo o da una notevole capacità di affrontare la dimensione dell’impegno. Non sono “vicini al paese”: sono il paese e lo rappresentano con grande esattezza. Dovrebbe farci un pensiero chi va promuovendo la “gente normale” a ruoli straordinari. La gente normale siamo normali, Scilipoti e Siquilini.

Rispondi