Il rock, la trasgressione e la stagione delle droghe [www.corriere.it]

Shared by Max

Questo è il mio pezzo preferito dell’editoriale di oggi di Alberoni. Però tutto il pezzo è un capolavoro. No, davvero… non sto scherzando… proprio un capolavoro… No, davvero… dai, provate a leggerlo… dategli una possibilità… è cambiato… non è più lo stesso… no, dai, davvero…

(…)Tutta la musica italiana, anche negli anni Sessanta, da Modugno a Endrigo a Mina a Battisti, esprime i sentimenti abituali, l’amore. Il rock no. È americano, nasce dall’espansione di sé, dal superamento delle emozioni normali. È espressione di esperienze parossistiche possibili solo con la droga. E anche chi ascolta questa musica in concerto o in discoteca, spesso, per viverla, deve fare lo stesso. Tutto è nato negli anni Sessanta negli Stati Uniti e in Inghilterra con una rivoluzione dei valori, del costume, della musica e la contemporanea diffusione dell’Lsd, dell’eroina, della marijuana, della cocaina. Da allora l’uso delle droghe ha continuato a crescere. Oggi ha già cambiato le relazioni fra i sessi e non solo nelle discoteche e nei droga party. E modifica le relazioni sociali perché numerosi professionisti che usano quotidianamente cocaina sono diventati emotivamente indifferenti e mostrano un’esagerata sicurezza. Un giorno gli storici ricorderanno questo periodo come «il periodo della droga», un po’ come facciamo noi quando ricordiamo le fumerie d’oppio e la guerra dell’oppio in Cina.(..)

Rispondi