9 credenze per i perfetti fannulloni

Due cose mi piacciono tantissimo: le liste (di ogni genere e di ogni specie) e le cose che ti fanno credere che puoi cambiare. Per uno comeme, quindi, l’inizio dell’anno con il suo consueto carico di buoni propositi pronti per essere disattesi è un periodo entusiasmante.

Ho trovato l’altro giorno il solito splendido articolo americano sull’argomento, traducibile in “9 credenze per i perfetti fannulloni“. L’originale è un vero capolavoro. Di seguito una mia traduzione/riduzione.

  1. “Non so cosa voglio.” Non lasciare mai che siano le aspettative degli altri a influenzare le tue. Immagina quello che vuoi. Aver ben chiari i tuoi desideri ti risparmia tutta la fatica di impegnarti per farti apprezzare da tutti, compreso te stesso.
  2. “Posso occuparmi di tutto questo dopo.” Senza un piano, rimani dove sei. È ora di cominciare a pensare e a giocare le tue mosse. Non sarai mai giudicato da cosa dici ma da cosa fai. Svegliati ogni mattina determinato per andare a letto soddisfatto. Abbi quotidianamente il coraggio e la disciplina per fare ciò che serve invece che ciò che conviene.
  3. “C’è troppo da fare.” La vita non è sempre semplice. Desiderare che una situazione sia semplice senza fare nulla solitamenti la rende maggiormente complicata.
  4. “Non ne ho la forza.” Fronteggia i tuoi ostacoli e fai qualcosa per sorpassarli. Scoprirai che sono alti la metà di quello che pensavi fossero. La fatica che stai facendo adesso costruisce la forza che utilizzerai domani.
  5. “Il mio rapporto con qualcun altro risolverà ogni mio problema.” Il rapporto più forte che tu possa mai avere è quello con te stesso. Se non sei a posto con te non lo potrai mai essere con nessun altro.
  6. “Son un tipo che non perdona!” Devi perdonare. La gente non ti deve piacere per forza, non devi esserne amico, non devi passare per forza del tempo con loro, ma devi essere in grado di perdonare: per lasciare passare le cose e anche per farle rimanere. Ciò che è stato, è stato.
  7. “I nuovi percorsi e le nuove esperienze sono troppo rischiose.” Devi riuscire ad avere paura di qualcosa ma a farla comunque. Non devi aver paura del futuro ma di ripetere costantemente il passato con i suoi inevitabili errori. Preferiresti tentare di fare qualcosa di importante e imparare qualcosa o non fare nulla e non imparare nulla per il resto della tua vita?
  8. “Ricominciare da capo non fa per me. Mai.” Ci sono dei momenti in cui ti rendi conto che niente sarà più come prima, che esisterà un “prima di” e un “dopo di”. Va bene. Non ci si deve vergognare a ricominciare qualcosa da capo cercando di farlo meglio.
  9. “La mia infelicità di adesso creerà la felicità del mio futuro.” Probabilmente pensi che ti spetti più felicità nel futuro rinunciandoci adesso, ma non funziona così. Essere felici richiede più allenamento che essere infelici.

Rispondi